Le malattie dei pesci d'acquario

Le malattie dei pesci d'acquario non sono così conosciute e tanto meno facili da debellare per un neofita, compito difficoltoso anche per un acquariofilo esperto. Purtroppo i pesci al contrario di altri animali contraggono la malattia e la morte con tempi molto veloci, dando poco spazio alla diagnosi e alla cura. La grossa difficoltà che incombe sulle cure ai pesci d'acquario è quella di usare medicinali senza compromettere la delicata flora batterica del filtro e del volume d'acqua. I batteri nocivi di alcune malattie d'acquario vengono uccisi da disinfettanti a largo spettro d'azione che uccidono anche i batteri utili del filtro biologico. Acquistare ed immettere una medicina all'interno del vostro acquario principale è spesso la peggior situazione da augurarsi, se la flora batterica utile non sopravvive, i pesci curati moriranno per l'inalzamento dell'ammoniaca nell'acqua. All'inizio dell'acquariofilia si vendevano sempre delle vasche di quarantena insieme all'acquario principale e molti negozi avevano vasche apposite per la cura dei propri pesci malati o dei clienti. Nel momento in cui si somministrano delle medicine, l'areazione dell'acquario, deve essere visivamente efficace con un movimento dell'acquua in superfice attraverso una pompa (meglio se dotata di un insuflatore, valvola Venturi) ed un areatore supplementare. E' molto importante che l'areazione dell'acqua permetta il miglior scambio gassoso possibile a vantaggio di un assorbimento maggiore di ossigeno nell'acquario. L'ossigeno in alta percentuale permette una convalescenza adeguata ai nostri amici pesci, mantiene viva la flora batterica presente e ne permette un ripristino più veloce. In 40 anni di acquariofilia ho potuto constatare che comunque le malattie si sviluppano e propagano in acquari mal tenuti, con caratteristiche di sovrappopolamento, cibo di scarsa qualità e sovradosato e nessun cambio d'acqua adeguato al valore dei Nitrati o della conduttività presenti in acquario. L'acquariofilia è una passione impegnativa e non è per tutti, è molto riduttivo collocare questa passione così scientifica come hobby, perchè hobby non può essere quando si parla di accudire esseri viventi, l'impegno deve essere totale e l'acquario ne richiede molto in termine culturale. Una vasca da quarantena per la cura dei pesci deve avere un ricambio d'acqua giornaliero affinchè i composti azotati non diventino nocivi, deve essere ben ossigenata e priva di filtraggio biologico e materiali sul fondo, basta un rifugio dove il pesce o i pesci possano trovare conforto e non aggravarsi anche per stress ambientale. ...segue»

Acquari MGA©