Le malattie dei pesci d'acquario, seconda parte

La somministrazione del cibo deve essere limitata al cibo liofilizzatto reidratato con un complesso mutlvitaminico liquido (le vitamine vanno tenute al buio, ben chiuse e nella parte alta del frigo o in un luogo molto fresco, una volta aperte devono essere consumate entro 20\30 giorni al massimo o salvo diverse indicazioni dell'azienda produttrice). Parlare di come combattere la causa delle malattie è indispensabile, pensare di agire solo sul l'effetto è utopico, come si può guarire dall'influenza prendendo aspirine nudi al Polo Sud?. Alcune malattie, come quelle dei puntini bianchi, però possono insorgere anche in acquari sani, magari perchè si sono lasciate le finestre aperte d'inverno e l'impianto di riscaldamento del vostro acquario non è sufficentemente potente per poter contrastare il calo di temperatura creatosi nella stanza, cosicchè i pesci si sono ritrovati difronte ad uno sbalzo di temperatura che la loro natura di animali a "sangue freddo" non gli ha permesso di contrastare, caso analogo avviene con dei cambi d'acqua di temperature differenti. La malattia dei puntini bianchi se presa in tempo, può essere curata nella maggior parte dei casi e vi rimando alla lettura dell'apposito articolo. A getto mi viene in mente una malattia che ho riscontrato molto spesso negli acquari, causata dal degrado dell'ambiente sul lungo periodo, manifestandosi con un esoftalmo, questa malattia attacca l'occhio del pesce fino a renderlo ceco e poi morente. L'esoftalmia si manifesta in acquari con un rapporto pesci\volume d'acqua\cibo sbilanciato, molta gente inserisce ciclidi sudamericani e africani in vasche troppo piccole per somministrare il giusto apporto di nutrienti senza inquinare l'acquario. Se è vero che i Nitrati sono tossici in misura soggettiva delle specie di pesci allevate e anche vero che far permanere una concentrazione di Nitrati nel proprio acquario favoriscie l'insorgere di esoftalmia e altre infezioni micotiche. Le cure adeguate possono essere l'introduzione di coloranti, antibiotici, solfato di rame ecc., ma quasi sempre la cura in un acquario è più distruttiva della malattia stessa. Create le condizioni ottimali nel vostro acquario in termini di valori fisiochimici, nutrite i pesci in forma adeguata, acquistate pesci quarantenati e difficilmente vedrete insorgere malattie. ...segue»

Acquari MGA©