Lo schiumatoio, seconda ed ultima parte

Peter Wilkens più di 50 anni fà (uno dei Padri e dei veri pionieri dell'acquario di barriera corallina) già parlava di come un acquario di rocce con schiumatoio ed “acqua calcarea” (metodo kalkwasser-acqua di calce) nonché di intensa luce fosse ottimo per le sclerattinie che lui già allevava con successo, poi per un lungo periodo di circa 20 anni il vuoto. Il problema era che se lo schiumatoio da una parte ha sempre fatto il suo dovere con i sui principi base, per lo sviluppo acquariofilo mancavano sempre gli altri 2 elementi determinanti quali il reattore di calcio e le luci ad alta intensità a prezzi piu’ popolari; per giunta il reattore di calcio non si sarebbe potuto diffondere finché non si fossero introdotti degli impianti di anidride carbonica a basso costo. Stando nel settore amatoriale e commerciale acquariofilo da piu’ di 4 decenni, ho potuto capire quanto le dinamiche commerciali sono strettamente collegate allo sviluppo e diffusione culturale dell'acquariologia. Nella scelta del modello indirizzatevi su modelli più grandi delle caratteristiche specificate sul prodotto in questione che spesso viene consigliato al limite delle sue possibilità per permettere un collocamento concorrenziale in termini di resa e prezzo d'acquisto. Nello scegliere uno schiumatoio l'errore nell'essere troppo grande o performante non sussiste, il rischio è solo nel contrario, cioè se acquistate uno schiumatoio sottodimensionato potrete avere una risposta di lavoro insufficente anche facendolo lavorare 24 h su 24, mentre con uno schiumatoio più grande avrete al massimo una pulizia del vostro acquario in breve tempo, magari in un ora e a quel punto potete timerizzare lo schiumatoio in base alle vostre esigenze ma certi di avere una risposta efficace dell'apparecchio in caso di emergenza, per esempio la morte di un pesce o un corallo o la somministrazione errata di cibo ed integratori. Home»

Acquari MGA©