Il reattore di calcio, terza ed ultima parte

Il discorso cambia sui dosaggi, di regola vengono consigliati 420 mg/L di calcio e 1380 mg/L (ppm) di magnesio è un KH 8/10, però è opportuno ricordare che in acquario bisogna sempre sforzarsi a fare un calcolo preciso in relazione alla flora e fauna ospitate in quanto alcuni biotopi monospecifichi possono avere esigenze particolari riguardo le risorse necessarie, ma è anche ovvio che tanto più è complesso l'acquario che si vuole realizzare e tanto più bisogna riflettere sul fatto che diventare esperti acquariologici con il solo ausilio di sito e forum è utopico, è opportuno che un appassionato che voglia progredire in tal senso inizi a fare dei corsi professionali a supporto complementare di ciò che ha già imparato se vuole progredire in una direzione più scientifica che amatoriale. Per cultura generale c'è da dire comunque che alcuni coralli duri a piccoli polipi (SPS) o le tridacne, abbisognano di un apporto costante di calcio (anche facile da dedurre se si pensa alla Tridacna gigas che raggiunge i 300 Kg di peso!) questo non significa alzare di troppo i valori disponibili in acquario, ma ripristinarli costantantemente per tenerli il più vicino possibile ai valori ideali (che è lo scopo tecnico del reattore). La concentrazione di ioni di calcio e la durezza carbonatica dovranno quindi essere mantenuti su valori adeguati tarando il proprio reattore in relazione ai parametri primacitati. Peter Wilkens (uno dei Padri e dei veri pionieri dell'acquario di barriera corallina) otteneva già ottimi risultati sull'acquario di barriera con l'aggiunta d'acqua di calce (kalkwasser in tedesco e nome del suddetto metodo) per mantenere costante la concentrazione di ioni calcio e la durezza carbonatica, ma l'acqua di calce che è una soluzione satura di idrossido di calcio (Ca(OH)2) è veramente difficile da gestire nel tempo e senza rischi di effetti collaterali ed è inoltre molto pericolosa da maneggiare e non deve assolutamente entrare in contatto con gli occhi o la pelle (usate guanti e occhiali da lavoro) essa rimane comunque un metodo da assimiliare concettualmente anche se da usare come ultima risorsa. Home»

Acquari MGA©