La barriera corallina in acquario, quarta ed ultima parte

I coralli hanno una prevalenza simbiotica o filtrante a seconde delle specie, taluni raggiungono una dipendenza alla simbiosi con le zooxantelle vicina al 98% ed altri invece in carenza di esse riescono a sopravvivere filtrando lo zooplacton e le altre sostanze vitali dall'acqua, per es. i coralli che si adattano al di sotto dei 5-8 metri della superficie marina dove lo spettro solare oramai ridotto alla sola frequenza blu non permette la crescita delle zooxantelle. Concludendo, il neofita ha bisogno di un acquario piu’ stabile possibile in maniera d'avere tutto il tempo per imparare le innumerevoli nozioni scientifiche di cui ha bisogno senza creare stragi, iniziare a guidare su di una Formula 1 non fà diventare un pilota, ma un cadavere, se invece uno inizia per passi e con i passi giusti può poi scegliere il livello che vuole raggiungere in tutta tranquillità. All'inizio scegliete acquari che vi diano un ampio margine di errore quindi di grande capacità, con grandi filtri, ben ossigenati e sopratutto con un lungo periodo di avviamento (almeno 90 gg.) sconsiglio vivamente di iniziare un percorso acquariofilo da un acquario di barriera corallina con il solo ausilio di internet, ma è molto meglio effettuare anche un corso o trovare un acquariofilo avanzato che possa supportarvi passo passo in questo percorso. Home»

Acquari MGA©