"Trasmissione televisiva Cronache Animali su Rai 2."

Metodo MGA per un acquario sano.

di Massimo Grande

Avete notato quanti neofiti acquariofili ci sono in questo periodo? Basta andare in un bel negozio di acquari o in alcuni supermercati e vedere acquistare vasche complete di accessori quali il sistema di riscaldamento, il filtro e le luci. Sulla scatola, che riporta un’immagine di venti pesci rossi che nuotano felici nell’acquario viene pubblicizzato il “tutto incluso”, eccetto la ghiaia, le decorazioni, i pesci e sopratutto...
la cultura necessaria per tenere un acquario perfettamente funzionante.

Per gestire un acquario non basta di certo un “libretto di istruzioni” così come lo conosciamo noi, ma ci vuole molto, molto di piu’. Nei giorni seguenti, la stessa persona inizierà a comprare il più appariscente e fantastico pesce del negozio, in grande quantità, senza prendere in considerazione il fatto che un pesce non è solo un pesce o che la vaschetta che ha comprato ha decisamente un limite di quanti e quali tipi di pesci ci si possono mettere al suo interno. Semplicemente, i pesci, crescono diventando di taglie diverse e con esigenze molto diverse. Quando sorge un problema nell’acquario questa persona cerca aiuto nei vari forum su internet, ma a quel punto è come cercare un ago in un pagliaio collegato ad una bomba ad orologeria. La soluzione a questo problema è banale, ma indispensabile… fare delle ricerche prima di effettuare qualunque acquisto. Molti acquariofili esperti cercano di incolpare il negoziante di acquari ma, in realtà, dovrebbe spettare alla persona che vuole diventare il padrone di un animale domestico fare delle ricerche per conto proprio sui requisiti di cui hanno bisogno gli animali che andranno a comprare. Sono al corrente che alcuni negozi di acquari potrebbero fare un lavoro migliore in molte occasioni nell’assistenza al nuovo appassionato, ma la grande quantità di informazioni disponibili al moderno acquariofilo sotto forma di corsi,libri e siti internet indica che la responsabilità personale ha raggiunto un nuovo livello. Non possiamo più dire che la possibilità di essere educati prima di acquistare un acquario sia limitata “ai pochi” professionisti del settore, queste informazioni sono a disposizione di tutti. Detto ciò, quante tragedie potrebbero quindi essere evitate? E’ sbalorditivo realizzare che, in questo caso, delle piccole informazioni potrebbero portare lontano, ci sarebbero molte meno richieste al negozio di acquari per quei pesci che non sono adatti alla vita in cattività, ci sarebbero significativamente meno pesci morti per sovraffollamento, aggressioni interspecifiche, incompatibilità con i parametri dell’acqua e problemi sulla grandezza della vasca in relazione alla taglia dei pesci. Le pietose storie che si ripetono fino alla nausea, sui vari forum, cesserebbero di essere raccontate e ancora più importante, i pesci riceverebbero le cure appropriate di cui hanno bisogno, il nuovo acquariofilo trarrebbe soddisfazione dal suo nuovo hobby invece come accade nella maggior parte dei casi frustrazione e abbandono dell’acquario con conseguente passaparola negativo del settore, informarsi perbene e prima dell’acquisto sarebbe solamente una soluzione vincente. La cosa più importante quindi per una persona che sta considerando di diventare un acquariofilo, è fare delle ricerche preventive. Se state leggendo questo articolo è vi trovate in accordo con quanto scritto acquistate un corso MGA e non avrete problemi con il vostro acquario. Per tenere dei pesci in buona salute bisogna prendere in considerazione molteplici aspetti come per esempio la sua taglia da pesce adulto; alcuni pesci possono essere molto piccoli appena acquistati nel negozio, ma possono crescere velocemente fino a raggiungere grandi proporzioni che eccederebbero la capacità anche di un acquario grande.

Questi 5 passi ti riveleranno cosa DEVI assolutamente EVITARE se vuoi che i tuoi Amici pesci NON muoiano prima del tempo naturale.

Quello che ti serve è un un pizzico di vecchia scuola, sei d'accordo? Allora continua a leggere!

Fase 1: Non lavare i materiali filtranti sotto il rubinetto!

In acquario il filtro è il sistema “digestivo” attraverso il quale possiamo trasformare le sostanze di origine organica e togliere quelle di origine chimica e fisica. Il filtro è sicuramente uno degli accessori più importanti dell’acquario ed è soggetto a svariate opinioni riguardo il suo funzionamento ed allestimento dando origine a controversie di ogni genere. Nel corso degli anni l’acquariofilia ha seguito una diffusione spesso “circolare” di informazioni al pubblico, partendo da una base scientifica per delle tecniche per poi “smentirle” e per poi rivalutarle, tutto ciò è evidente a chi come me è da molti anni nel settore e vede anche persone che spacciano per propri metodi o scoperte, concetti anzitempo conosciuti. Una esperienza positiva di 10 acquari non fa di una persona un esperto, ma solo un appassionato bravo e ben venga. I consigli sul filtro dati dalle aziende che vendono quel metodo di filtraggio è di per se scontato che sia a scopo puramente commerciale, potrei allestire 10 acquari con filtraggi differenti ottenendo gli stessi risultati e vendere come ideale il sistema di filtraggio MGA. Nella realtà un buon lettore acquariofilo deve assimilare i concetti dell’acquariofilia confrontando gli articoli aziendali con quelli editoriali e scientifici, stando ancor più attento ai forum che spesso sono colmi di personaggi che con un “copia e incolla” diventano docenti senza alcuna esperienza diretta o con la sola esperienza dei propri acquari. Questa premessa è doverosa per sottolineare l’importanza di tutti i materiali filtranti senza alcuna eccezione. Per filtro si intende un contenitore interno o esterno nel quale vengono alloggiati i vari materiali filtranti e per funzionare deve essere collegato ad una pompa per il ricircolo dell’acqua nell'acquario. E' sbagliato parlare di filtro “biologico” o “meccanico” in relazione al “contenitore” ma solo in relazione ai materiali in esso contenuti. Spesso mi è capitato di assistere a delle vendite di filtri con sole spugne (precisamente resine espanse) come filtri “meccanici”, ma in verità suddetti materiali svolgono una duplice funzione meccanica-biologica. E’ fondamentale fare questa precisazione perché non potete sapere quanti acquariofili neofiti hanno fatto l’errore di sciacquare le spugne sporche con acqua del rubinetto ricca di cloro, potente antisettico, uccidendo così tutta la preziosa flora batterica presente nella spugna e addio pesci.

Fase 2: Non rimandare il "cambio parziale" dell'acqua

Il cambio d’acqua va effettuato con regolarità e seguendo delle indicazioni di vitale importanza, come del resto quasi tutto in acquario è “vitale”. Per far sì che il cambio d’acqua non diventi un incombenza da evitare occorre munirsi fin da subito dei seguenti accessori: un tubo di gomma per uso alimentare di lunghezza pari a raggiungere il fondo dell’acquario e l’apposito secchio a terra o tanica, due secchi di ugual misura pari ognuno al 10% del volume netto dell’acquario da usarsi specificamente per tale scopo, una pompa d’acqua con prevalenza superiore all’altezza dell’acquario, una pompa ad aria o areatore, un biocondizionatore declorante di ottima qualità, un termoriscaldatore di potenza pari ad 0,5 watt per litro d’acqua del secchio, un eventuale carrello per il trasporto dei secchi piu’ pesanti. L’acqua occorre prepararla il giorno antecedente al cambio collocandola nel secchio con l’areatore e il termoriscaldatore, inserendo la giusta dose di biocondizionatore e lasciandola così elaborare in maniera ottimale. Nell’arco delle ore di preparazione avviene lentamente la riduzione di cloro, la “cristallizzazione” e precipitazione dei metalli pesanti, l’ossigenazione del’acqua ed il suo riscaldamento che deve essere tarato alla stessa temperatura dell’acqua dell’acquario. L’errore più comune è quello di sottovalutare la tossicità dell’acqua introdotta nell’acquario, specialmente nel bacino acquariofilo d’acqua dolce dove si pensa per alcuni pesci che abbiano una resistenza innata a certi parametri, cloro ecc.. senza riflettere che un acqua aggressiva la prima cosa che uccide è la flora batterica, preziosa risorsa dell’acquario con la quale viene a contatto, innalzando per conseguenza nelle ore a seguire i valori tossici di ammoniaca e nitriti.

Fase 3: Smettila di dare sempre la colpa a gli altri

Basta accontanare scuse, torno a casa tardi dal lavoro, dalla scuola ecc. e poi stai 2 ore davanti alla tv o al pc, gli animali hanno bisogno di cure! quindi se intendi acquistare o hai già acquistato un acquario, sappi che, in certi momenti, la tempestività farà la differenza tra la vita e la morte, dei tuoi piccoli amici. Attenzione quindi a iniziare questo cosidetto hobby così per noia, l'Acquariofilia è una passione seria e ha bisogno di persone serie. Un acquario ben studiato e mantenuto ti ripagherà con emozioni uniche che solo la Natura sa darti.

Fase 4: Fai i Test nel tuo Acquario

Drink Your Water! L’Ammoniaca (NH3) i nitriti (NO2) ed i nitrati (NO3) si possono definire la principale causa di morte in acquario, non c’è malattia, carenza di ossigeno, pH, poca o troppa luce, pompe valide o non, sbalzi termici, filtro adeguato o non, sovrappopolamento, poche piante, somministrazione errata del cibo, fondo, ambiente dov’è collocato l’acquario ecc. che non vada ad interferire con i valori in questione, dai più tempestivi NH3 e NO2 al più lento ed inquinante NO3. Tutto ciò che di organico putridisce forma l’ammonio NH4+ sostanza poco tossica, ma che comunque in alte concentrazioni agevola la profilassi di agenti patogeni pericolosi. Per i motivi citati in alcuni allevamenti esteri in zone equatoriali le coppie riproduttive vengono tenute in grosse tinozze prive di filtri (non avendo elettricità) con luce e riscaldamento naturale. In queste condizioni si forma solo l'ammonio, ma le acque spesso diventano “minestroni” di parassiti se non sostituite con una certa frequenza. Questo processo spiega anche il “mistero” per alcuni riguardo il Pesce Rosso e la sua sopravvivenza nella ampolla di vetro (comunque breve e crudele), dove troviamo appunto solo NH4+. Capita, purtroppo non di rado, che alcune persone (sensibili ed evolute a mio personale giudizio) vogliano passare il loro Pesciolino Rosso in un acquario senza però che qualcuno dica loro di far maturare il filtro per almeno 4 settimane e che vengano fatte almeno le tre misurazioni base. Il Pesciolino Rosso si ritrova in un ambiente ricco d’ossigeno con pH alcalino e l'ammonio lascia il posto alla più tossica ammoniaca senza che essa venga trasformata dalla flora batterica ancora non presente in acquario e addio al nostro piccolo Amico. Nessun pesce è in grado di resistere a concentrazioni alte di ammoniaca in maniera prolungata, neanche i pesci che possono respirare l’aria tipo gli anabantidi (Pesce combattente - Betta Splendens), le suddette sostanze sono tossiche per inalazione, ingestione e per osmosi, corrodendo la mucosa protettiva dei pesci ed esponendoli ai rischi più disparati.

Fase 5: Acquario grande vs pochi pesci (Sì, di meno)

I pesci che sono adeguatamente curati dovrebbero raggiungere le dimensioni appropriate per la loro specie, la loro "dimensione genetica naturale". Ci saranno sempre lievi variazioni di dimensioni, ma gli individui dovrebbero essere tutti vicini alla dimensione media della loro specie. I pesci emettono ormoni e feromoni che in un sistema chiuso come un acquario si accumulano nell'acqua. In un ambiente naturale questi sarebbero diluiti e / o lavati via dal flusso di un fiume o dalla pioggia in uno stagno. Alcuni di questi ormoni possono influenzare la crescita inibendola a sfavore della salute del pesce, inoltre un ambiente piccolo favorisce l'aggresività intraspecifica e interspecifica e quindi ulteriore stress, ma tu vivresti mai in una stanza di 10 mq con 20 persone? e magari anche antipatiche o aggressive? è l'aspetto etologico che sfruttano le trasmissioni tv come i reality per creare litigi e polemiche. Un Acquario Sano deve avere molto spazio e pochi pesci compatibili tra di loro.

Se sei pronto per diventare un Acquariofilo Eticamente preparato, che offre hai propri pesci una possibilità concreta di vivere sani e a lungo, acquista il nostro corso ora, potrai prenotare un corso online dal vivo della durata di 10 ore, suddivisibile in sessioni da 1 ora o 2 ore.
Potrai scegliere tra 3 tipologie di corso o tutti e 3:




Garanzia soddisfatto 100%

Mi impegno personalmente a garantirti informazioni realmente utili a formarti nella giusta direzione, per questo motivo se dopo la prima lezione, non ti troverai bene, potrai essere rimborsato* al 100%!
(*vale solo per le lezioni non per le consulenze)




seleziona il Tuo corso: