Pinnetta e Velina, una storia d'Amore. (Pterophyllum Scalare)

Oggi la riproduzione degli “Scalari” è alla portata di tutti e questo non è un articolo per spiegare come allevarli e riprodurli, tendendo a generalizzare i pesci come numeri, privi di una propria personalità, ma è la storia di Pinnetta e Velina una coppia formatosi su di un banco di 10 esemplari che tenevo in un splendido acquario artigianale di sole piante, che userò come rappresentanza di un concetto di rispetto delle caratteristiche individuali dei pesci d'acquari. Questo articolo tenta di sensibilizzare le persone ad un attenzione particolare verso le necessità di alcune specie d'acquario che sono molto evolute emotivamente, raccontando un mio sbaglio e facendolo diventare così un esempio utile per coloro che vogliano trarre monito dalla mia esperienza. Purtroppo sembra che il diritto all'affetto sia solo di altri animali e in acquario tutto si riduce ad un rapporto dell'impegno delle specie ospitate con il loro scarso prezzo d'acquisto. Spesso sottolineo in questo sito quanto sia importante considerare i Pesci i veri protagonisti della nostra passione e diffondere questo messaggio, perché ultimamente mi trovo di fronte a personaggi troppo egocentrici che considerano l'acquario un puro esempio di creatività estetica fine a se stessa, un bell’oggetto da guardare e basta. Anzitempo anche lo scienziato Konrad Lorenz (Nobel per la Medicina e la Fisiologia è considerato il fondatore dell'Etologia scientifica) sottolineò l'importanza del concetto sopraespresso con queste parole:"...come ambiente dove ricreare le giuste caratteristiche per far star bene gli ospiti, quindi un bel acquario ci riempie gli occhi, ma un acquario, dove i pesci sono tenuti bene e in salute, dove possono rimanere per sempre, ci riempie il Cuore."
...segue»

Acquari MGA©